home > prodotti > assistenza tecnica > faq > Come si esegue la messa in opera dei listelli a colla Pica?

Murature Faccia a Vista

2.21 Come si esegue la messa in opera dei listelli a colla Pica? Preparazione della superficie:
In ristrutturazione, si procede alla rimozione dell’intonaco deteriorato e alla martellatura di quello resistente.
Su nuove costruzioni sarà sufficiente realizzare un intonaco grezzo.
Per superfici in C.a. rimuovere la presenza di eventuali disarmanti mediante lavaggio.
Rasatura:
Le eventuali porzioni di intonaco deteriorato che sono state in precedenza rimosse, andranno ripristinate mediante rasatura grezza eseguita con una normale malta bastarda.
Applicazione del collante:
Si procede alla stesura del collante mediante una spatola dentata con denti di 5mm.
Applicazione dei listelli:
L’applicazione dei listelli va eseguita prima che il collante filmi in superficie.
Si consiglia l’utilizzo di barre in ferro a sezione quadrata di 5mm per curare la perfetta linearità dei corsi.
Sigillatura delle fughe:
Tale operazione va eseguita utilizzando la tecnica del rigiuntaggio, ovvero applicando in un momento successivo all’incollaggio il sigillante all’interno di ogni singola fuga.
L’utilizzo di una pistola per fughe semplifica notevolmente l’applicazione, consentendo inoltre di sporcare meno la muratura.
Come sigillante può essere utilizzata una normale malta bastarda composta da 1 parte di cemento 325, 1,5 parti di calce per 6 di inerte.
In alternativa è possibile utilizzare sigillanti preconfezionati escludendo quelli a colorazione troppo marcata ( antracite o nero ).
Stilatura delle fughe:
La si esegue passando con un tondino in gomma su ogni singola fuga.
E’ buona regola realizzare profili che non consentano ritenzione d’acqua, consigliamo giunti “a raso ” o leggermente concavi verso l’interno.
L’operazione di stilatura va eseguita interrompendo l’operazione di sigillatura ogni 5 o 6 corsi.
Lavaggio della muratura:
Ultimata la stilatura si procede al lavaggio della parete. Tale operazione sarà eseguita almeno 48 ore dopo aver terminato la precedente. Procedere come indicato al punto 2.13.